Lucia Ruggieri
Da quando ha avuto inizio la sua carriera espositiva ha ricevuto molti e significativi riconoscimenti: nel 2008 il 1° Premio della critica al “Premio G. D’Annunzio” di Pescara e il Premio Speciale al “Premio Cupra”; nel 2009 ha segnalazioni di merito al “Premio Agazzi” di Bergamo e al “Premio d’Arte Città di Breno”. Nel 2012 vince ancora al “Premio G. D’Annunzio” di Pescara, il Premio della Critica.

ARTELIER4D

Art Gallery - ECommerce



Senza Titolo

View ArtWork

Senza Titolo

View ArtWork

Senza Titolo

View ArtWork

Senza Titolo

View ArtWork

Senza Titolo

View ArtWork

Senza Titolo

View ArtWork

Senza Titolo

View ArtWork

Senza Titolo

View ArtWork

Senza Titolo

View ArtWork

Distanti Pensieri

View ArtWork

Lucia Ruggieri si forma al Liceo Artistico “Misticoni” di Pescara dove saranno suoi insegnanti Alfredo Del Greco, Angelo Colangelo, Ettore Spalletti.

Da quando ha avuto inizio la sua carriera espositiva ha ricevuto molti e significativi riconoscimenti: nel 2008 il 1° Premio della critica al “Premio G. D’Annunzio” di Pescara e il Premio Speciale al “Premio Cupra”; nel 2009 ha segnalazioni di merito al “Premio Agazzi” di Bergamo e al “Premio d’Arte Città di Breno”. Nel 2012 vince ancora al “Premio G. D’Annunzio” di Pescara, il Premio della Critica.

La sua prima mostra personale è del 2007, a Giulianova, presso la Sala “G.Trevisan”; nello stesso anno è invitata alla XXI Edizione del “Premio Internazionale Emigrazione” di Pratola Peligna. Del 2009 è la personale a “Villa Filiani” di Pineto e la partecipazione alla mostra collettiva “Dio nascosto” ancora a Giulianova nella Sala “G.Trevisan” con pubblicazione della sua opera nel volume “P: Serafino Colangeli. Lettere di Natale 1993- 2008” ed. POC). Sempre nel 2009 la rivista “Angolum” di Città Sant’Angelo le dedica la copertina.

Ancora a Giulianova, l’anno seguente, espone nei “Locali del Sottobelvedere” nella mostra “Identità femminili” a cura di Marialuisa De Santis. Nel 2011 partecipa al I Simposio di Arte Contemporanea a cura di Massimo Pasqualone presso “Palazzo Sirena” a Francavilla al Mare.

Nel 2011-2012-2013 è invitata all’evento “Acqua-luce-fuoco i colori della tradizione” a cura del Circolo Culturale “Il nome della Rosa” di Giulianova e sempre a Giulianova, al Museo d’Arte dello Splendore, espone nella terza edizione di “Credere la luce” a cura di Marialuisa De Santis.

Il 2014 è ricco di esposizioni: nel gennaio partecipa alla mostra “Il segno dei sei” a cura di Massimo Pasqualone presso il Museo “Barbella” di Chieti; alla mostra “Il Sacro nell’arte” a cura di Alvaro Valentini nella Chiesa dei Santi Francesco e Antonio di Pollenza; alla mostra itinerante “Transumart” a cura di Massimo Pasqualone e Gaetano Cristino che ha avuto come sedi la Pinacoteca Patiniana di Castel di Sangro, le ex Scuderie di Palazzo Ducale di Atri, la Ex Manifattura Tabacchi di Città Sant’Angelo, il Palazzo Farnese di Ortona e il Palazzetto dell’Arte di Foggia. Espone inoltre a Mosca, nella Galleria “Selenograd” nella mostra “Vita Italia” organizzata dall’ “Associazione Internazionale dell’Arte” in collaborazione con lo studio d’Arte Alina di Okuneva Galina e alla V Edizione di Pescarart a cura di Giancarlo Costanzo nello spazio espositivo “Box & Office”.

Nel 2015 partecipa alla mostra “In labore fructus. La poetica del non colore” al “Museo d’Arte Moderna Vittoria Colonna” di Pescara a cura di Gian Ruggero Manzoni e Giancarlo Costanzo. Il 2015 è anche l’anno in cui ottiene un Premio Speciale della Giuria alla Rassegna Internazionale d’Arte “Premio Ligures” Città di Sarzana con esposizione nella Fortezza “Firmafede” e curatela di Mauro Giampieri, Fabio Castagna e Marianna Jurcova e il Premio dell’Ambasciata Slovacca a Roma al 4° “Premio Internazionale Città di Montecosaro” sempre con la curatela di Mauro Giampieri e di Marianna Jurcova. Ancora nel 2015 è a Civitella del Tronto per l’esposizione “Arte nei borghi. Incontri delle Arti Visive con Storia, Culture e Tradizioni” a cura di Massimo Pasqualone.

Nel 2016 espone al Palazzo “Mazara” di Sulmona nella collettiva “L’impronta gaia” a cura di Enrico Cappuccilli. Nello stesso anno è selezionata per la mostra itinerante “Beyond the Shape” che ha toccato, tra 2016 e il 2017. la città di Sulmona, l’Accademia di Romania a Roma e la città di Burghausen in Germania; espone ad Urbino, presso il “Collegio di Raffaello” in “Variatio Delectat”, mostra presentata da Dante Marianacci e in due personali, una a cura di Nerio Rosa presso il Centro culturale Kairòs di Teramo e l’altra, “Essenzialità cromatiche”. a cura di Marialuisa De Santis ,a Villa “Filiani” di Pineto.

Nel 2017 condivide con Maria Grazia Di Biase la bipersonale “Simbolica” presso la Bottega d’Arte della Camera di Commercio di Chieti; partecipa ad un’altra mostra itinerante “Il Gusto dell’Arte”( Oleggio, Matera, Molfetta, Reggio Calabria e Novara) a cura di Vincenzo Scardigno; espone nella “Torre di Carlo V” di Martinsicuro nella mostra “Il filo di Arianna” a cura di Marialuisa De Santis e presso il “Mediamuseum” di Pescara in “Arte in Prospettiva” a cura dell’Associazione Lejo  e viene invitata al 44° Premio Sulmona. È ad Amsterdam per la settima edizione dell’”Annual Dutch Art Fair” presso il “World Fashion Centre” e sempre nel 2017 espone al Museo d’Arte “Barbella” di Chieti in una mostra a cura dell’Associazione “Teatis Artibus” allestita in occasione della visita della delegazione giapponese della città di Minamishmabara e della prefettura di Nagasak al comune di Chieti.

Nel 2018 espone in “Un connubio tra arte e artigianato” a cura di Giuseppe Liberato presso la Bottega d’Arte della Camera di Commercio di Chieti e in “Momenti d’Arte 2” a cura di Gioia Cativa nella Chiesa di Sant’Agostino di Città Sant’Angelo.

Nel 2019 espone a Matera, capitale della cultura, nella mostra La trama dell’arte a cura degli Stati Generali delle Donne; ad Atri, presso il Palazzo Acquaviva espone su invito per la settima biennale nazionale di pittura murale Casoli Pinta; con il Gruppo 4 espone presso casa d’arte Nicola D’Antino a Caramanico Terme e al Museo d’Arte dello Splendore in due mostre Comuni Radici curate da Cosimo Savastano; espone ancora a Roma presso la Galleria Medina nella mostra Il Vero Io; è inoltre invitata a partecipare alla prima mostra a premi di pittura e scultura di artisti angolani organizzata dalla Sezione Italia Nostra di Città Sant’Angelo.

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No connected account.

Please go to the Instagram Feed settings page to connect an account.

Contatta L’Artista 

SEI UN ARTISTA?

Contattaci per Scoprire Come Avere una Sezione, dedicata a te e alle tue Opere!